La Latteria Garbatella prende forma

Non abbiamo mai avuto dubbi sul tipo di lavori da fare all'interno della Latteria: il progetto lo abbiamo avuto per 4 anni in testa e non è stato difficile dargli forma su autocad. Abbiamo sempre saputo tutto, sapevamo quali sarebbero stati i materiali che avrebbero trasformato il bar della nanetta nella Latteria Garbatella, la Latteria più incredibile di Roma.

Sapevamo che la Latteria Garbatella sarebbe stata ricostruita rispettando le leggi della bioedilizia, cercando di realizzare un progetto il più possibile ecosostenibile: abbiamo riutilizzato tutto quello che era possibile riutilizzare degli infissi, mentre per le pareti abbiamo optato per la base - visibile nella seconda sala perchè abbiamo mantenuto la decorazione del muro - per la calce idraulica naturale, che avrebbe reso gli spazi caldi d'inverno e freschi d'estate, consapevoli che avrebbe creato quell'atmosfera calda e familiare che abbiamo sempre cercato per la Latteria Garbatella.

Per la prima sala abbiamo scelto come materiale di rivestimento il grassello di calce naturale, nero, per creare un ambiente unico e originale: fino a quando non abbiamo acceso le lampadine il giorno dell'inaugurazione non sapevamo che tipo di effetto si sarebbe creato, se troppo dark, cupo o troppo freddo. E anche in questo caso il gusto e l'azzardo di voler fare qualcosa di originale ci ha ripagato.

Il pavimento lo abbiamo sempre immaginato in cemento, unico tocco industrial di tutta la ristrutturazione: materiale semplice, che avrebbe costruito la continuità tra la prima e la seconda sala, così diverse tra loro eppure così capaci entrambre di creare nella Latteria Garbatella l'atmosfera familiare di una casa dove torni con piacere.

Galleria immagini

Altro in questa categoria: C'era una volta il bar della nanetta »

Lascia un commento